5 cose per utilizzare al meglio l’asciugatrice

L’asciugatrice è vero, non è un elettrodomestico indispensabile, ma è sempre più presente nelle case degli italiani specialmente in quelle case in cui manca lo spazio per stendere. Ci sono degli accorgimenti da fare se vogliamo limitare la spesa di questo prodotto e averne un guadagno di tempo e denaro.

  1. L’etichetta energetica va considerata, ma non è l’unico elemento da valutare. Esistono modelli di classe A che sono in grado di consumare meno energia dei modelli di classe A+.
  2. Meglio centrifugare al massimo la biancheria lavata: così si elimina più acqua possibile dai capi.
  3. Avviare l’asciugatrice solo a cestello pieno. In fase di scelta, meglio preferire modelli che abbiano lo stesso carico della lavatrice. Se, invece, l’asciugatrice ha un carico inferiore, ricorda di usarla con il carico massimo, ma evita di sovraccaricarla o il bucato non riuscirà ad asciugare.
  4. Il programma va scelto in base alla biancheria da asciugare, così si evita di avviare cicli lunghi quando non è davvero necessario.
  5. Se hai una tariffa elettrica bioraria, ricorda di far partire l’asciugatrice, solo dopo le 19 e durante i weekend.

 

A presto.

Arianna e lo staff di ecoAdige

Annunci

5 false credenze sulla lavatrice

Sono state delle settimane molto indaffarate, altro che aprile…dolce dormire, lavorare, lavorare e lavorare!

Per fortuna che in casa ho i prodotti ecoAdige, i quali mi hanno sollevato da molte incombenze quotidiane!

Mi sono sempre chieste se le credenze sulla lavatrice siano vere, oppure no, e facendo la scriba per ecoAdige ho scoperto un mondo!!!

Ci sono cinque false credenze sulla lavatrice, in rete il sito altro consumo le ha testate ed ecco a voi i risultati, date una letta, c’è sempre qualcosa da sapere!

  1. I lavaggi con centrifuga a più alti giri danno risultati migliori. I nostri test dimostrano che le prestazioni della lavatrice, ad eccezione ovviamente della rimozione di acqua, non dipendono dalla velocità della centrifuga. Dimostrano anche che lavatrici di medio carico (7-8 kg) e centrifughe 1.000, 1.200 giri il minuto danno, le migliori prestazioni di lavaggio. Questo nonostante i produttori cerchino sempre nuove tecnologie per aumentare capienza e velocità di centrifuga.
  2. Per tenere la lavatrice in buono stato, è bene usare un prodotto anticalcare. Non ci sono prove che sia il calcare a ridurre la vita della lavatrice. L’aggiunta di un anti calcare a ogni bucato è consigliabile solo se l’acqua è molto dura (più di 30°F), se si lava spesso ad alte temperature (almeno 60°C) e se si usano spesso detersivi in polvere. Lavando a 30° – 40° C, l’uso di un additivo a ogni lavaggio è superfluo. Inoltre, tutti i detersivi contengono già una piccola quantità di anticalcare, sufficiente per la prevenzione ordinaria delle incrostazioni.
  3. I programmi più brevi consumano meno. In lavatrice come in lavastoviglie sono quattro i fattori che determinano la rimozione delle macchie: temperatura, azione meccanica, detersivo e tempo di lavaggio. Solitamente i programmi più lunghi sono quelli che usano meno acqua o temperature più basse. I programmi ecologici in generale hanno una durata più lunga. Attenzione: esistono alcuni programmi brevi che consumano effettivamente meno acqua e corrente, perché pensati per lavare capi poco sporchi o solo per rinfrescare il capo usato poco. Controlla il libretto delle istruzioni.
  4. Più detersivo metto più il bucato è pulito. E l’ammorbidente è indispensabile per rendere gli indumenti più morbidi. La dose di detersivo indicata dal produttore è studiata per eliminare tutti i tipi di sporco. Anche una minore dà risultati soddisfacenti. Aumentare la dose di detersivo, al contrario, può lasciare sui tessuti aloni e residui che possono provocare allergie, oltre ad avere un impatto ambientale negativo. Meglio pretrattare le singole macchie con un po’ di sapone o con uno smacchiatore prima di avviare il lavaggio. In genere, l’ammorbidente viene aggiunto per rendere il bucato più profumato e per facilitare la stiratura dei capi. In realtà non è indispensabile. Per rendere i tessuti più morbidi al tatto, prova a lavare a temperature più basse e a stirare i capi quando sono ancora un po’ umidi.
  5. È sempre indispensabile separare bianchi e colorati. No. Non tutti i capi colorati, infatti, perdono colore, soprattutto se lavati a basse temperature (30° – 40° C). Bisogna però avere alcuni accorgimenti. Al primo lavaggio meglio non mischiare i capi nuovi, soprattutto quelli rossi. Gli indumenti neri vanno lavati da soli e in acqua fredda. Infine, attenzione ai capi di artigianato esotico in fibre naturali (seta, cotone, lino) e colorati di scuro: possono perdere colore.

Date una letta a quest’articolo e mettetevi in contatto, o meglio contattate ecoAdige, io sono solo il loro scriba.

A presto.

Arianna e lo staff di ecoAdige

 

Lavasciuga, il due in uno conviene?

Io che scrivo, o tento di scrivere su questo blog per ecoAdige, sono una donna, mamma e casalinga quasi disperata, scoprendo quest’azienda e i loro prodotti, mi sono trovata molto bene, ho trovato serietà precisione e affidabilità del personale e negli elettrodomestici.

Navigando in rete per trovare spunti, idee e suggerimenti mi sono imbattuta sul sito di altro consumo e v’invito alla lettura di quest’articolo:

http://www altroconsumo.it/elettrodomestici/lavatrici/speciali/lavasciuga-acquisto-indovinato

Date una letta a quest’articolo e mettetevi in contatto, o meglio contattate ecoAdige, io sono solo il loro scriba.

A presto.

Arianna e lo staff di ecoAdige

 

10 idee per usare al meglio la tua lavatrice.

Le lavatrici di ultima generazione A+++, sono progettate per consumare bene, lavare bene anche a basse temperature e utilizzare meno acqua possibile, però tutto questo non è sufficiente per risparmiare, per avere capi sempre puliti, bollette più basse e prolungare la vita della nostra lavatrice ci sono alcune idee.

  1. Fasce orarie

Organizzarsi per usare la lavatrice negli orari e nei giorni in cui l’elettricità costa meno, in un anno 20€-30€ si risparmia, queste sono le fasce orarie:

Banner_Bioraria_Fasce_340106

  • F1 sono le ore di punta: 8:00-19:00 dal lunedì al venerdì;
  • F2 sono le ore intermedie: 7:00-8:00 e 19:00-23:00 dal lunedì al venerdì e dalle 7:00 alle 23:00 del sabato;
  • F3 sono le ore fuori punta (le più economiche): 00:00-7:00 e 23:00-24:00 dal lunedì al sabato e tutte le ore per domenica e festivi.
  1. Il carico

Non caricare troppo la lavatrice, quando è troppo piena, il bucato non riesce a ruotare liberamente nel cestello e il lavaggio risulta inefficace, le macchie non saranno perfettamente rimosse e le fibre non saranno ben lavate.

  1. Il detersivo

Non esagerare con il detersivo, usare troppo detersivo è dannoso sia per i tuoi capi che per la lavatrice, i residui in eccesso la danneggiano.

  1. Oblò

Lascia aperto l’oblò e il cassetto del detersivo a fine lavaggio, questo eviterà il formarsi di muffe e funghi e permetterà alla lavatrice di restare sempre pulita e profumata.

  1. Temperature

I lavaggi a basse temperature sono sempre preferibili, ma ogni tanto un lavaggio ad alta temperatura è utile per alcuni capi (lenzuola, asciugami, strofinacci) e anche per la lavatrice, le alte temperature uccidono i germi, funghi, prevengono i cattivi odori di bucato e lavatrice.

  1. Filtro

Pulisci il filtro almeno una volta ogni due-tre mesi, per evitare che si intasi e causi la fuoriuscita di acqua e lavaggi meno efficaci.

  1. Cassetto

Pulire il cassetto del detersivo una, due volte all’anno, estrarlo completamente e immergerlo in acqua tiepida e spazzolarla per rimuovere ogni residuo di detersivo che può essere la “casa” di funghi e germi.

  1. Le tasche

Controlla tutte le tasche degli indumenti se non sono rimasti piccoli oggetti che possono danneggiare la lavatrice o fazzoletti che distruggendosi creano un caos negli indumenti.

  1. Etichetta

Leggere bene le etichetta dei capi e usare i programmi corretti in cui si prevedono dei giri minori e delle temperature più basse mentre i capi più resistenti hanno bisogno di un lavaggio più energico e temperature più alte, se si lava la lana con il cotone a temperature alte, il vostro bellissimo maglione lo metterà vostro figlio!

  1. Colori

I capi scuri, colorati e chiari vanno separati, così si riduce la possibilità di rovinare gli indumenti perché capita che le fibre perdono colore e si attacchino alle fibre più chiare, se proprio non si può fare a meno, in commercio ci sono gli acchiappa colori.

detrazione elettrodomestici

 

E’ stata prorogata l’agevolazione al 31 dicembre 2016 per la detrazione Irpef del 50% sull’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe
non inferiore alla A+ (A per i forni),
destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.
L’acquisto deve essere effettuato nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016 

Guida_bonus_mobili